Pagine

3 marzo 2018

Parlarsi in silenzio

Chicca ha un caratteraccio, inutile negarlo. Proprio mentre scrivo sta dormendo sotto la mia maglietta, facendomi sembrare decisamente in sovrappeso, ma è viziata e diffidente, permalosa e un pizzico egoista. Il pinscher non è un cane semplice, è storia nota, occorre avere molta pazienza. Le persone che sono riuscite nell'impresa di ingraziarsela si contano sulle dita di una mano, mentre continua a non voler interagire con i suoi simili, che si tratti di maschi o femmine. Per lei non fa alcuna differenza, se ne sta sulle sue, poco incline a socializzare e fiera di risultare antipatica. Però ha fatto un'eccezione per il pigro e indolente Jack, il vicino di casa, perché l'amore nasce senza un perché e non conosce ostacoli, né differenze di razza. E allora capita di vederli parlare silenziosamente di chissà cosa. Una rete di plastica non può rappresentare un problema, e a volte ci scappa anche un bacio.

2 commenti:

  1. io non riesco ad avere il coraggio di prendere un cane...eppure sogno di averlo sin da bambino.

    RispondiElimina
  2. Era anche il mio sogno di bambino, poi ho preso Susy nel 1990 e Chicca nel 2004. Probabilmente, anzi sicuramente mi fermerò con lei, perché vivo troppo male il distacco, il momento dell'addio. Non ce la faccio.

    RispondiElimina