Diversa percezione del tempo


Un tedesco si avvicinò a mia madre. Come ti chiami bambina?
Liliana rispose lei, timorosa.
Liliana? Che bel nome.
Il nazista si tolse una collanina rossa dal collo e sorrise. Tieni, questa è per te.
Lei ringraziò timidamente, fece un piccolo inchino e scappò, temendo che i soldati volessero portarla via.

Liliana mi raccontò questo episodio antico quando ero bambino. Dopo averla ascoltata non riuscii a mascherare la mia preoccupazione. Allora sei vecchissima, mamma!
Mia madre, che aveva poco più di trent'anni, mi rispose che forse era la guerra ad essere ancora troppo vicina.

6 commenti:

  1. Si, era la guerra ad essere troppo vecchia ...ed è la guerra a rendere più vecchi gli uomini.

    RispondiElimina
  2. Brutta cosa la guerra, bisognerebbe renderla un tabù... ci riusciremo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed anche questa storia e' toccante vedi..ma e' diversa da quella che mi raccontava mio nonno ..x lui la guerra gli andava bene, diceva di essersi trovato a cucinare non so piu dove e x chi.. gli e' sempre piaciuto la cucina, era in gamba, x questo..e ci parlava delle sue conquiste femminili anche..e ci credo ,xche' la nonna era sempre arrabbiata quando lui raccontava lol.. ed aggiungeva . si? e' tornato dalla guerra con foto e lettere di donne nello zaino ! vergognati aggiungeva! un seduttore il mio antenato . si un piccolo grande uomo! ma che humour e carisma

      Elimina
    2. Grazie per questo prezioso ricordo!

      Elimina